Che cosa é Clubhouse e come funziona il nuovo social network dei messaggi vocali

Che cosa é Clubhouse e come funziona il nuovo social network dei messaggi vocali

Clubhouse sarà il prossimo fenomeno dei social network ma anche uno strumento da sfruttare nel mondo della comunicazione, come funziona la piattaforma social del momento sviluppata da Paul Davison ( ex pinterest) e Rohan Seth ( ex Google)

Probabilmente saranno  le restrizioni nei rapporti sociali ( diretti) a causa del COVID-19 che hanno stimolato e spinto le persone ad adottare nuovi strumenti di comunicazione digitale, un’app di discussione esclusiva e solo audio chiamata Clubhouse.

Clubhouse il nuovo social Network?

Clobhouse sta decollando in paesi come Stati Uniti, India e Germania. Nei giorni scorsi  è stata inglobata in un app  (solo per iPhone) in pochi giorni é stata la più scaricata in Germania. È  un applicativo nuovo, particolarmente coinvolgente. Una versione avanzata dei social network degli anni 2000 basati solo sui messaggi di testo, (Facebook, Twitter), per poi passare alle app video e visive (Instagram, Snapchat, TikTok) negli anni 2010, gli anni 2020 potrebbero essere ricordati come l’era dei social network basati sull’audio ed i messaggi vocali.

Negli ultimi anni  sempre piùpersone vogliono comunicare tramite messaggio audio che porta a una crescente adozione della funzione di nota vocale di diverse app, come Instagram, Telegram e Facebook dopo che WhatsApp ha introdotto quella funzione nel 2013. Quindi, non c’è da meravigliarsi che Clubhouse sarà presto adotatto ed amato anche in Italia.

Che cos’é Clubhouse?

È un mix di funzioni che si basa su una rete di podcast, uno spazio per eventi virtuali e una chat room dal vivo, ma con l’energia, l’intimità e l’interattività di un incontro fisico. Gli utenti possono creare”stanze” virtuali su un argomento di loro scelta, a cui qualsiasi utente della Clubhouse può partecipare e anche alzare virtualmente la mano per dire la propria.

Tuttavia, l’ospite della “stanza” può decidere chi è autorizzato a parlare. Oppure gli utenti possono anche creare una propria “stanza”. Come afferma il sito web di Clubhouse, il suo obiettivo è quello di essere “un luogo in cui incontrarsi con amici e nuove persone in tutto il mondo, per raccontare storie, porre domande, discutere, imparare e avere conversazioni improvvisate su migliaia di argomenti diversi”. Puoi sederti in una “stanza”, ascoltare e parlare con celebrità come Drake o Ashton Kutcher.

L’effetto FOMO per attrarre gli utenti a scaricare l’app

Tanto effetto Fomo “Fear of Missing out” cioè la paura di essere tagliato fuori , nella strategia dei creatori per stimolare il download e l’uso di Clubhouse
Tuttavia, l’esclusività e la “scarsità artificiale” di Clubhouse, che è molto popolare nel campo del marketing, ha innescato ancora di più l’effetto FOMO  tra i netizen di tutto il mondo, rendendo l’app ancora più attraente.
Inoltre, le recensioni “gratuite” coinvolte sulla nuova app sensazionale su altri social media come LinkedIn da parte dei membri del Clubhouse aumentano immensamente l’effetto FOMO in quanto puoi far parte dell’app solo se hai ricevuto un invito.Poiché ogni titolare di account può invitare solo due persone a unirsi all’app (poco dopo il lancio negli Stati Uniti il ​​numero di inviti è stato di 5), alcune persone sono sempre più disperate per ottenere un biglietto d’ingresso nel portare a offerte per inviti su eBay per oltre 82 €.
Con la presente, l’app gioca sulla FOMO dei consumatori. Questa paura è amplificata dall’uso di celebrità famose che portano al clamore dei media che in cambio porta le persone a temere di perdere qualcosa di innovativo e nuovo. Negli ultimi 10 mesi, Clubhouse ha ospitato talk show di celebrità, club del libro, dibattiti appassionati e spettacoli musicali, spettacoli comici e seminari.

 

Chi l’ha fondata Clubhouse?

L’app è stata lanciata nell’aprile 2020 dai suoi fondatori Paul Davison, un imprenditore della Silicon Valley e l’ex googler Rohan Seth che sottolineano che Clubhouse non è mai stato concepito per essere “esclusivo”. Poiché Clubhouse è ancora una versione beta e il loro piano per costruirla “silenziosamente” non ha funzionato, stanno attualmente lavorando per renderlo disponibile al mondo il più rapidamente possibile poiché hanno affermato che Clubhouse è per “tutti”, quindi non è inteso come esclusivo. Non sono ancora pronti per rilasciare la versione generale poiché non hanno finito di creare funzionalità rilevanti che consentono loro di gestire più utenti. Tuttavia, alla fine di dicembre 2020, l’app aveva già registrato 600.000 utenti in tutto il mondo.

 

Sarà davvero “il futuro” nei social media?

Attualmente, le stanze sono principalmente incentrate sugli imprenditori o guidate da influencer. Non è chiaro come si evolverà l’app. Parteciperanno anche i marchi? Al momento, ci sono stanze su Clubhouse con contenuti con cui i marchi probabilmente non vorrebbero essere coinvolti (“Se ti svegli presto sabato, il tuo venerdì è stato lavato” o “I miei Oreo sono ancora fritti”). Tuttavia, sale come “Daily Habits of High Performers” o “10 Mindset Hacks for Entrepreneurs” attirano un pubblico ampio e avido di conoscenza che cerca suggerimenti e trucchi da esperti in questo campo. Inoltre, YouTube, TikTok e Instagram continuano a prosperare, il che significa che le immagini ei video continuano ad essere piuttosto potenti. La credibilità a lungo termine dell’app è sostenibile dopo la diminuzione della pandemia?

Aspetti negativi e polemiche

Clubhouse è attualmente visto come un elemento rivoluzionario nel panorama globale dei social media. La Silicon Valley, le VC e gli angel investor sono molto interessati alla nuova sensazione tecnologica e ha un valore di $ 100 milioni.

Tuttavia, un’app beta incontrollata e la natura radicalmente libera delle stanze comportano anche molti gravi pericoli. Clubhouse è stato designato per non aver moderato l’incitamento all’odio, in particolare contro i neri sulla scia di Black Lives Matter, comunità LGBTQIA +, ebrei e altre minoranze etniche.

Mancano ancora gli strumenti per controllare efficacemente le conversazioni odiose senza registrare permanentemente le conversazioni in corso nelle stanze. Inoltre, anche il modo in cui l’app accede ai dati degli utenti può violare la legge europea. Soprattutto l’opzione di condividere la rubrica al momento della registrazione è estremamente esigente in quanto consente al provider di raccogliere un’enorme quantità di dati personali degli utenti e di coloro che non scaricano nemmeno l’app sul proprio cellulare. Gli esperti affermano che l’app è cresciuta troppo velocemente e non tiene conto dei requisiti del regolamento UE sulla protezione dei dati generali (GDPR) che offre agli utenti maggiori diritti su come le aziende utilizzano i propri dati. Inoltre, il solo audio non è accessibile ai non udenti, non ci sono avvertimenti che le informazioni potrebbero essere false o fuorvianti e non disincentiva a rimuovere dalla piattaforma noti razzisti o altri attori problematici.

Tuttavia, poiché l’app è ancora in fase beta, i fondatori stanno lavorando intensamente su linee guida della community più dettagliate che affronteranno ad esempio la valutazione delle denunce di abuso o molestie senza registrare la conversazione dell’utente. Inoltre, le caratteristiche di sicurezza spesso criticate, così come la mancanza di inclusione, sono state riconosciute e sono state ulteriormente elaborate come afferma il sito web del Clubhouse.

Clubhouse è decisamente fatto per questo momento con blocchi in molti paesi e milioni di persone annoiate. Cosa succede quando la pandemia è finita e le persone sono impegnate con orari pieni? Come sempre sono curioso di sperimentarlo in ambito marketing e comunicazione.

 

 

Louis Molino

Esperto di Comunicazione e Marketing Italiano con 25 anni di esperienza, attualmente dirige due Agenzie di Comunicazione: La Promediacom e Publicapri. Si occupa del Marketing di molte aziende italiane, offre la sua Consulenza nel campo della comunicazione ad Enti ed Istituzioni, all’ Editoria, alla Politica, ad Aziende, Professionisti e Personaggi dello Spettacolo. Dirige un piccolo gruppo Editoriale in ambito librario e digitale. Produttore di Spot e cortometraggi per la Televisione Commerciale.. Leggi tutta la bio

Lascia un commento